A 20km da Lucca e Pisa

PDF Stampa E-mail
Scritto da Alessandro Giusti   pubblicato  su  il giornale.ch
Giovedì 01 Ottobre 2009 00:00


Nel mese di ottobre la Versilia acquista un fascino particolare; le sue spiagge tornano ad essere selvagge e deserte, favorendo lunghe passeggiate nella natura liberi dalla calca estiva mentre la lunga distesa di colline, che arriva fino alle Apuane, riprende piano piano vita dopo la grande calura dei mesi passati. Al turista più attento appaiono ora itinerari nuovi e affascinanti per scoprire il cuore più interno di questa terra. Un mondo fatto di paesi e tradizioni tanto antiche quanto affascinanti che, solo un mese prima, erano oscurate dal richiamo della risplendente riviera.

ponte del  diavolo svizzera.JPGCullati dal clima mite di una fine estate non più torrida si può cogliere l’occasione di visitare tutte quelle grandi città d’arte che fanno da corona alla Versilia (Lucca. Pisa e Massa-Carrara). Con una manciata di kilometri(dalla Versilia 20 min. di autostrada o 25 min. in treno) è possibile scoprire le meraviglie architettoniche celate tra le mura di Lucca. Nata come insediamento ligure e sviluppatasi come città romana a partire dal 180 a.C., nel VI secolo Lucca diviene la capitale del ducato longobardo della Fucsia per poi svilupparsi nel XII secolo come Comune e poi come Repubblica. Nel Medioevo la città crebbe notevolmente soprattutto grazie all’antica Via Francigena, di cui la città rappresentava la XXVI° tappa per la presenza del Volto Santo nel suo Duomo. Nel XIV secolo,durante le lotte tra Guelfi e Ghibellini Lucca, sotto il comando del nobile ghibellino Castruccio Castracani degli Antelminelli, diventa l’unica antagonista dell’espansione di Firenze; alla morte di questo,dopo aver subito il dominio dei Visconti, dei Dogi di Pisa e la signoria di Paolo Guinigi, Lucca diventa repubblica indipendente fino al 1799,anno in cui cede agli austriaci. Nel 1805 si costituisce il Principato di Lucca e Piombino sotto Elisa Bonaparte, sorella di Napoleone e del marito Felice Baciocchi; divenne poi parte del granducato di Toscana(1847) ed in seguito annessa al Regno di Sardegna (1860). Racchiusa nella sua cinta muraria del XV-VII secolo il centro storico monumentale può vantare svariate architetture di pregio come le numerose chiese medievali (Lucca è stata soprannominata la “città dalle 100 chiese”), torri, campanili e monumentali palazzi rinascimentali. Nella città si trovano anche Piazza dell’Anfiteatro, sorta sulle rovine dell’antico anfiteatro romano, e la medievale via Fillungo, arteria della città. Di notevole interesse sono poi le più di trecento ville che i lucchesi si costruirono nel corso di quattro secoli nell’arco collinare che circonda la piana di Lucca; tra le più rinnomate per pregio artistico e tradizione storica ricordiamo Villa Oliva (1500), Villa Reale di Marlia (XVII° sec.), Villa Grabau (1500), Villa Torrigliani (1500), Villa Bernardini (1615) e la bella e misteriosa Villa Mansi (1600), suggestiva costruzione legata alla leggendaria figura di Lucida Mansi, la bellissima nobile che volle vendere l’anima al diavolo per trenta anni di bellezza e vita dissoluta. torre  guinigi  lucca svizzera.JPGOltre alla Leggenda di Lucida, che si vuole sprofondata nel lago del Parco Botanico dopo un infernale giro delle mura su di una carrozza infuocata, Lucca e i suoi dintorni sono teatro di molte altre storie; una delle più famose è quella che circonda il Ponte della Maddalena (detto “ponte del Diavolo”) di Borgo a Mozzano. La bizzarra forma del ponte e la sua straordinaria resistenza alle piene hanno nel tempo alimentato la credenza che a costruirlo sia stato il diavolo in persona che,apparso al capomastro ormai disperato e disilluso di terminare l’opera,gli promette di terminarla in nottata in cambio della prima anima che vi fosse transitata. L’uomo accetta il patto e la mattina seguente, su consiglio di un santo, fa transitare sul ponte un maiale, gabbando così il diavolo, che giace ora sconfitto e furibondo nel fondo del fiume. Proprio Borgo a Mozzano è teatro, ogni trentuno ottobre, della folcloristica Festa di Halloween che coinvolge tutto il paese in una serie di eventi e rappresentazioni storico-fantastiche che durano tutta la notte.  Di grande suggestione è la vista del ponte tutto illuminato e percorso da varie sfilate. Sempre nel ponte dei morti, a partire dal 29 e fino al 1° Novembre si tiene a Lucca la mostra internazionale del fumetto e dell’animazione” Lucca Comics & Games ”Una grande zona con stands, dove si riuniscono appassionati di giochi di ruolo, di fumetti classici, manga e collezionisti di gadgets. Moltissimi fan si vestono come i loro beniamini di cartone rendendo ancora più divertente la manifestazione. Un’occasione imperdibile per trovare il meglio della produzione mondiale del fumetto e del video, la manifestazione viene accompagnata da concerti musicali e sfilate di figuranti dei giuochi di ruolo.

Vi ricordiamo che la Versilia è a soli 20 minuti di auto da Lucca (30 da Borgo a Mozzano) quindi sarà possibile alloggiare in hotel del nostro gruppo: www.alberghiinversilia.it (foto a sx il Ponte del Diavolo  a dx  Torre Giunigi).

Di  Pisa  se ne  parla  più avanti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...